RECENSIONE LIBRO “Prendi la vita nelle tue mani” di Wayne W. Dyer

COME CREARE IL PROPRIO DESTINO SENZA FARSI INFLUENZARE DA NESSUNO

Essendo io una sostenitrice del fatto che ognuno di noi debba fare di tutto per poter essere una persona libera, e per preservare la propria individualità, non potevo non innamorarmi di questo libro.

Questo libro è stato scritto per tutte quelle persone che vogliono scrollarsi di dosso il peso delle imposizioni assurde e delle prepotenze altrui , ma per via delle loro paure e insicurezze, non trovano il coraggio di ribellarsi e continuano perciò ad accettare il programma di vita che glia altri hanno stabilito per loro.

Se volete realizzarvi come persone, dovete assumervi il compito di pensare per conto vostro, mettendo al bando dubbi e timori. Non è necessario essere dei rivoluzionari, basta semplicemente proclamare con tranquilla fermezza di essere l’unico padrone della propria vita e di imporsi a chiunque tenti di impedirlo.

Tuttavia ci sono persone che non vogliono prendersi la responsabilità di essere l’unico artefice della propria vita e preferiscono farsi guidare, se fate parte di questa categoria di persone, questo libro non fa per voi. Se invece volete scrollarvi di dosso quello stato di impotenza che non vi permette di proseguire nella direzione da voi designata, vi consiglio di inoltrarvi in questa utile lettura.

Spesso siamo noi stessi ad addentrarci nel ruolo di vittime, chi è vittima lo deve quasi sempre alla propria debolezza. Molti accettano di farsi dominare e tiranneggiare perché vi è in loro la convinzione di non essere abbastanza forti da assumersi la piena responsabilità della propria esistenza e l’affidano perciò a qualcun altro. Ricordatevi che ogni costrizione che ci viene imposta nella sfera privata, per quanto piccola, rappresenta una forma di schiavitù.

Da piccoli siamo costretti a subire le imposizioni degli adulti, non eravamo capaci di autogestirci senza il programma stabilito dagli adulti, e può succedere che da adulti si conservino parecchie abitudini residue dell’infanzia, tra cui quella di subire la prepotenza dell’altro.

Siamo spesso vittime delle aspettative degli altri, tendiamo perciò a conformarci al modo in cui loro ci vedono, se ci trattano come se non avessimo valore ecco che noi ci crediamo come degli allocchi e ci comportiamo di conseguenza evitando di far rispettare noi stessi e le nostre idee. Permettiamo agli altri di porci dei limiti, ma chi può veramente decidere quanto in alto possiamo arrivare e cosa possiamo realizzare? Solo e unicamente noi. Andiamo in giro timorosi, avendo paura di esporre la nostra opinione, di fare ciò che sentiamo o di incamminarci verso un sentiero che ci inspira solo perché gli altri non approvano.

Chi se ne frega se vi siete sempre lasciati sopraffare dal volere altrui, potete dare il via a un grosso cambiamento fin da subito, basta che lo vogliate, è arrivato il momento di credere in voi stessi, di insegnare finalmente agli altri come volete essere trattati. Se siete stufi di subire le prepotenze di un collega, di un vostro parente o del vostro partner e volete prendere in mano la vostra vita, leggete questo libro e mettetelo in pratica. Certo all’inizio sarà un po’ dura, le persone che avete intorno non accetteranno immediatamente il fatto che non riescono più a sottomettervi, il vostro atteggiamento di ribellione li farà insorgere, e tenteranno di rimettervi in un angolino ai loro ordini, ma piano piano capiranno che siete persone dal carattere forte e meritevoli di rispetto.

Dovete sprigionare la forza che è dentro di voi, e per farlo dovete imparare a credere in voi stessi. Liberatevi di tutte le etichette che gli altri vi hanno appiccicato addosso e mostrate loro di che pasta siete fatti, non permettetegli più di sminuirvi.

Non dovete permettere più a nessuno di approfittarsi di voi, in nessun caso e per nessun motivo al mondo.

Qui vi troverete strategie da adottare per vincere la tendenza a chiudersi nella propria rassegnazione, inoltre Dyer vi condurrà alla meta più ambita: la libertà personale.

One Response

  1. film Novembre 20, 2020

Leave a Reply